23.3.2017 - Si è svolta a Villafranca Sicula la prima giornata di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale. L’iniziativa è stata organizzata dal Comune grazie al contributo dell’assessorato della Salute della Regione Siciliana, e in collaborazione con l’associazione per la Mobilitazione Sociale onlus e la parrocchia B.M.V. della Catena. Una giornata rivolta in particolare agli studenti delle scuole medie e superiori cui hanno partecipato il sindaco di Villafranca Sicula, Domenico Balsamo, il presidente dell’associazione per la Mobilitazione Sociale onlus, Marco Marchese, l’assessore comunale alla Pubblica Istruzione e Sanità, Paola Ferrantelli, la responsabile dell’Ufficio esecuzione penale esterna di Agrigento, Rosa Maria Miraglia, e il comandante della stazione dei Carabinieri di Burgio, Angelo Stringara. «Giornate come questa sono fondamentali - afferma il sindaco di Villafranca Sicula, Domenico Balsamo - perché vedono lavorare insieme studenti e istituzioni per una maggiore sicurezza del territorio e dunque dei cittadini».
La giornata è iniziata alle 9:30 presso il centro diurno dove il presidente dell’associazione per la Mobilitazione Sociale onlus, Marco Marchese, ha presentato ai ragazzi, agli insegnanti e alle istituzioni la campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale dal titolo “chiglielodovevadire?” per riflettere attraverso giochi a quiz e proiezioni sull’importanza del rispetto delle regole della strada e sul ruolo che ciascuno di noi ha nella prevenzione degli incidenti e delle morti su strada. 
«I ragazzi - spiega Marchese - conoscono molto bene le regole della strada e i pericoli cui possono andare incontro, eppure in molti non le rispettano, spesso perché si vergognano di essere giudicati dagli amici, ma non c’è alcuna vergogna nel voler tutelare la propria vita e quella di chi amiamo».
Nel territorio di Agrigento sono i più giovani a rischiare, come ha spiegato la responsabile dell’Ufficio esecuzione penale esterna di Agrigento, Rosa Maria Miraglia: «Ci occupiamo di una fascia d’età medio bassa, giovani tra i 18 e i 22 anni che vengono imputati di guida in stato di ebbrezza e guida senza patente». Tanti gli argomenti trattati anche con il comandante della stazione dei Carabinieri di Burgio, Angelo Stringara, che ha portato ai ragazzi la sua testimonianza: «Quando riceviamo la chiamata per un incidente stradale - afferma - la prima emozione che proviamo è la paura, la stessa che poi ci dà il coraggio di accendere la sirena e partire».



Oggi puoi sostenere il sociale con un libro!

Scopri come!



Amici e Partner  



     

   


  


   




 


Copyright © 2009 Associazione per la Mobilitazione Sociale Onlus - c.f. 97190210829. Tutti i diritti riservati.

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information